Ladri di biciclette: tra film e realtà

Comunicato stampa newsletter Primo piano

Il furto delle bici, o parti di esse, costituisce spesso e purtroppo un deterrente al loro uso. E, per via di un tortuoso e perverso, quasi diabolico circuito, in alcune realtà è alimentato dalle stesse persone che lo temono e che quindi tendono a procurarsi una bicicletta di bassa qualità, di poco valore e, quindi, forse rubata.

Certamente il furto può essere contrastato, necessariamente con misure anti infrazione, ma che spesso non sono prese in considerazione per l’eccessivo costo (per bici “rimediate” a volte anche maggiore di quello del mezzo), oppure, quando in dotazione, mal posizionate, e quindi non in grado di difendere da furti parziali. Sono note le immagini di bici ancorate a pali e rastrelliere mancanti di ruote, di selle, oppure di tutto il telaio tranne che della ruota anteriore, saldamente solidale al presidio scelto.

Dall’indagine svolta dall’osservatorio, il timore del furto è sempre moto alto: si va dall’80% per gli ambiti “aziende” e “supermercati”, a oltre per gli ambiti “stabilimenti balneari” e “città”.

C’è ovviamente da dire che i presidi destinati alla funzione di posteggio spesso sono assolutamente inadatti, consentendo l’ancoraggio della sola ruota anteriore e non del telaio: infatti tra le proposte raccolte per tutti i contesti considerati vi sono quelle che rimandano all’adozione di infrastrutture che consentano l’aggancio al telaio se non addirittura coperte e con accesso riservato.

Condividi con: